Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Sangue freddo, intervista a caldo con un vincitore di cc.alps!

Samuel Bernhard

Samuel Bernhard, Projectmanager della Comunità di lavoro bus alpin: "E' un compito immane gestire gli autobus, non solo nella fase pilota,.ma anche a lungo termine." © Samuel Bernhard

"Il 30 per cento degli utenti ha deciso di privilegiare i mezzi di trasporto pubblici rispetto all'auto privata!" Il 6 novembre 2008 la CIPRA ha premiato i sette migliori provvedimenti a favore del clima che hanno partecipato al concorso cc.alps. La comunità di interessi bus alpin/CH ha vinto uno dei premi da 10.000 Euro del concorso cc.alps. Christine Székely del team cc.alps ha parlato con Samuel Bernhard, responsabile del progetto IG Bus Alpin, del successo dell'iniziativa.
Signor Bernhard, il progetto ha ormai abbondantemente superato la fase pilota, partita nel 2006/07. Chi sono i beneficiari del progetto IG bus alpin?
In realtà si tratta di due livelli che si integrano a vicenda: A livello nazionale ne beneficiano soprattutto i partner coinvolti. A livello regionale, si tratta appunto delle regioni che ora sono meglio servite e dei partner del turismo, anch'essi avvantaggiati dai migliori collegamenti grazie alle offerte aggiuntive del trasporto pubblico.

Che destinazione prevede IG bus alpin per il premio cc.alps?
Il premio viene in primo luogo reinvestito nelle regioni, viene cioè utilizzato direttamente per le aziende di trasporto - vale a dire effettivamente per il core business di bus alpin e per le reti vere e proprie.

L'offerta ha avuto ripercussioni concrete sulla mobilità?
Sì. Nel progetto pilota del 2006/07 abbiamo fatto dei sondaggi nelle aziende pilota. Abbiamo avuto un risultato notevole: il 30 degli utenti ha deciso di privilegiare i mezzi di trasporto pubblici rispetto all'auto privata.

Quali sono state, ad oggi, le principali sfide durante la concretizzazione del progetto?
Senza alcun dubbio il finanziamento e la redditività dei progetti. Uno dei principali problemi, a mio avviso, è il radicamento regionale. E' un compito immane gestire gli autobus non solo nella fase di implementazione, ma anche a lungo termine. Un altro aspetto decisivo sono le risorse - spesso irreperibili - per occuparsi localmente di questo tema.
Quali sono le possibilità concrete per le regioni di associarsi direttamente?
Da un lato devono avere un problema con i trasporti turistici, vale a dire un'offerta scarsa o inesistente a livello di trasporti pubblici verso le singole destinazioni turistiche. D'altro canto queste destinazioni devono essere particolarmente allettanti per la mobilità privata. Sono indispensabili anche un'organizzazione responsabile e una persona con le risorse necessarie. Infine ci deve essere un certo potenziale a livello di risorse finanziare per gli sponsor regionali. La IG bus alpin supporta le regioni in fase di creazione delle offerte e per rispondere a domande concrete: che possibilità di finanziamento abbiamo? Come si costruisce un'offerta? Come va dimensionata, ecc.

Quali sono i suoi desideri e piani per il futuro?
Per il futuro mi auguro che la IG bus alpin possa continuare a radicarsi nelle regioni di montagna e che venga considerato il suo potenziale nel rafforzare i trasporti pubblici e creare insieme delle offerte turistiche. Altre regioni dovrebbero aggiungersi e aggregarsi a questo modello. Infine auspico soprattutto che le regioni associate abbiano il fiato lungo e possano contribuire al potenziamento dei trasporti pubblici.

Informazioni sul progetto
- Stato: Svizzera
- Offerte di trasporti pubblici per promuovere il turismo legato alla natura nelle regioni di montagna svizzere
- Regioni affiliate: Chasseral, Gantrisch, Moosalp, Alp Flix, Binntal, Greina, Thal
- Promotori: Gruppo svizzero per le regioni di montagna, Associazione svizzera traffico e ambiente ATA/VCS, Club alpino svizzero CAS e Autopostale svizzera SA
- Durata del progetto: Progetti pilota dal 2005-2007 IG Bus Alpin dal 2008, dal 2010 autonomamente
- Premio del pubblico e premio della giuria specializzata nel Premio dell'innovazione nei trasporti pubblici 2007 (CH)
- 2008: Riconoscimento come uno dei sette progetti vincitori del concorso cc.alps della CIPRA, premio in denaro di 10.000 €

Ulteriori informazioni:
www.busalpin.ch
www.cipra.org/it/cc.alps/concorso/bus-alpin
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter