Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Tunnel del Frejus: più sicurezza o più traffico?

I lavori per il raddoppio del tunnel del Frejus inizieranno entro quest'anno.

I lavori per il raddoppio del tunnel del Frejus inizieranno entro quest'anno. © Luca Graziani / flickr

La conclusione della gara d'appalto, il 28 aprile 2009, e il relativo contratto di costruzione per un ammontare di 130 milioni di euro hanno ravvivato le discussioni sul futuro della nuova galleria di sicurezza e più in generale sul traffico transalpino.
Il dramma del tunnel del Monte Bianco nel 1999 e l'incendio nel tunnel del Frejus nel 2005 hanno innescato vivaci discussioni sulla sicurezza dei tunnel stradali. L'adeguamento del Frejus alla direttiva UE del 2004 sulla sicurezza dei tunnel stradali ha portato alla decisione di realizzare una nuova galleria di sicurezza. La questione delle dimensioni della nuova galleria è stata oggetto di vivaci trattative tra le autorità francesi e italiane. Le prime volevano limitarsi a un diametro di 4,40 metri, sufficiente alla circolazione di veicoli di soccorso, mentre quelle italiane preferivano realizzare una galleria di 8,20 metri, sostenendo che tale larghezza è necessaria affinché possano incrociarsi due veicoli dei pompieri. Ha avuto la meglio la proposta italiana e ora verrà costruita una galleria di sicurezza con un diametro di 8,20 metri. I lavori di costruzione, che inizieranno quest'anno e si concluderanno nel 2014, rafforzano le inquietudini di numerose associazioni e di rappresentanti eletti nel territorio alpino. Essi hanno più volte manifestato la loro opposizione alla nuova galleria, poiché temono che la seconda canna possa poi essere aperta alla circolazione ordinaria. Mentre da parte francese tale ipotesi è stata ufficialmente respinta, le autorità italiane e la società concessionaria del tunnel hanno già espresso il loro interesse per un tunnel "utile", in considerazione dell'importanza degli investimenti.
Il raddoppio del tunnel provocherebbe un aumento del traffico pesante attraverso la Valle di Susa/I e la Maurienne/F e si porrebbe in contraddizione sia con la Convenzione delle Alpi sia con gli obiettivi del programma francese per l'ambiente "Grenelle de l'environnement".
Fonte: www.acac73.org/ (fr), www.enviscope.com (fr), www.montagnanostra.org/tunnel_del_frejus.html (it)
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter