Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Nuova pubblicazione sulle dighe in montagna

Staudamm

L'energia idroelettrica non presenta solo vantaggi. © www.sxc.hu

L'ultimo numero di marzo della rivista in due lingue "La revue de géographie / Journal of alpine research" è dedicato al tema delle dighe e alle nuove sfide in montagna.
Vengono mostrati i due aspetti dell'energia idroelettrica, classificata ufficialmente come risorsa rinnovabile solo nell'ambito della cosiddetta Dichiarazione di Pechino sulle energie rinnovabili per lo sviluppo sostenibile (2005). Da una parte, si tratta indubbiamente di un'energia rinnovabile e non produce gas serra, oltre ad essere un simbolo di progresso, di dominio sulla natura e di potere politico. Dall'altra, da diversi anni ormai, la costruzione di dighe incontra un crescente scetticismo. Sia per la conseguente necessità di trasferire strati di popolazione, perlopiù poveri, sia per il fatto che ormai la metà dei principali fiumi della terra sono interrotti da sbarramenti. La rivista rivolge l'attenzione alle conseguenze ecologiche e sociali di questi interventi nel territorio alpino: molti degli effetti negativi della costruzione di dighe derivano dall'ignoranza della situazione socioeconomica locale e dai complessi rapporti tra la popolazione e il fiume.
Bibliografia: "La revue de géographie alpine / Journal of alpine research": Les barrages: vers de nouveaux enjeux pour la montagne. Dams: new stakes in their role in mountain areas, marzo 2008, vol. 96, n.1, ISBN: 978 2 200 92500 0.
Ordinazioni: http://iga.ujf-grenoble.fr (fr)
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter