Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Nuovo studio sulla borsa dei transiti alpini

Alpentransitbörse

La BTA si prefigge di trasferire quote maggiori del trasporto merci su ferrovia. © www.oekologische-forschung.de

Secondo uno studio svizzero la borsa dei transiti alpini (BTA), uno strumento fondato su meccanismi di mercato per il trasferimento del traffico, è un sistema applicabile sia sotto il profilo tecnico che giuridico e organizzativo.
Lo studio fornisce un modello applicabile nella pratica come base per le future discussioni a livello politico.
Con la BTA il numero massimo di corse dei mezzi pesanti ammesse annualmente è fissato sotto forma di diritti di transito. Le unità necessarie per l'acquisizione di un diritto di transito vengono messe all'asta e in seguito possono essere comprate o vendute sul libero mercato. Secondo lo studio, il commercio e il controllo dei diritti di transito sono attuabili con un onere limitato, gran parte delle infrastrutture necessarie sono infatti già disponibili. Sul piano giuridico sarà tuttavia necessario fissare questo strumento in una legge e si dovrà adeguare l'Accordo bilaterale sui trasporti terrestri con l'UE. Si dovrà inoltre coordinare la procedura in tutto lo spazio alpino, per evitare che il traffico pesante venga convogliato su percorsi alternativi nei paesi limitrofi. Perciò entro la fine del 2008 dovrà essere ultimato uno studio internazionale sulla materia.
Fonte e info: www.are.admin.ch/dokumentation/00121/00224 (de/fr/it)
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter