Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Tschlin in Engadina è un "Comune del futuro"

Una giuria internazionale ha nominato Tschlin, in Engadina in Svizzera, "Comune del futuro" del 2005 per il suo progetto birrificio e gli ha conferito un premio di 4.000 Euro. I due premi secondari, di 1.500 Euro ciascuno, sono andati a Ludesch, in Austria, e alla regione dell'Auerbergland in Germania.
Red. Il comune di 434 abitanti di Tschlin, in Bassa Engadina in Svizzera, secondo il parere della giuria con il progetto presentato ha creato pochi posti di lavoro, ma ha saputo dare impulsi essenziali per l'agricoltura e il turismo, e ha promosso la tradizionale cultura della birra. Questo prodotto si diffonde in tutta la regione, crea identificazione e conferisce un plusvalore apprezzato anche dai visitatori.
La catena di creazione di valore così creata va dalla coltivazione biologica dei cereali sugli antichi terrazzamenti della valle, alla produzione della birra nel birrificio di Tschlin, fino alla commercializzazione, gestita in collaborazione con aziende regionali e i negozi del paese. Anche il turismo svolge la sua parte. Grazie alla vicinanza dei/delle agricoltori/trici, produttori/trici e consumatori/trici, le vie di trasporto sono decisamente brevi, per cui ogni elemento della catena di creazione di valore aggiunto costituisce un contributo alla sostenibilità.
Il comune di Ludesch nel Vorarlberg è stato premiato per il suo progetto "Haus der Zukunft - Gemeindezentrum Ludesch" (Casa del futuro - Centro comunale di Ludesch). Esso rappresenta il primo edificio di questo tipo e dimensioni in Austria ad essere certificato secondo lo standard di casa passiva. In qualità di progetto pilota, tutte le fasi del programma "Casa del Futuro" vengono dettagliatamente documentate, con l'obiettivo di rendere le conoscenze acquisite utilizzabili da altri committenti. Oltre all'esemplare piano energetico, la giuria ha apprezzato in particolare l'avanzato processo di partecipazione.
Anche la "Rete intercomunale Auerbergland" ha ricevuto un premio secondario. Nel 1993 gli undici comuni situati in Svevia e Alta Baviera hanno iniziato a orientare lo sviluppo della regione a obiettivi elaborati in comune. Il modello guida si basa sul concetto di uno sviluppo rurale integrato e sostenibile. La cooperazione intercomunale ha consentito alla Rete Auerbergland di realizzare progetti che probabilmente i singoli comuni non sarebbero stati in grado di attuare in tale forma.
archiviato sotto:
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter