Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Notizie

Fine della confusione terminologica nello spazio alpino

Recentemente è stato avviato il progetto LexAlp, con cui i Paesi alpini perseguono un'armonizzazione della terminologia giuridica nel settore della tutela del territorio e della pianificazione territoriale.
Mentre finora progetti analoghi avevano preso in considerazione non più di due lingue, la ricerca di LexAlp si estende per la prima volta alle quattro lingue alpine ufficiali - francese, italiano, sloveno e tedesco. Viene così elaborato un lessico in queste quattro lingue raggiungendo un accordo sull'utilizzo di una terminologia giuridica e amministrativa in grado di garantire una comprensione chiara e univoca tra i diversi sistemi giuridici nazionali dei stati alpini Austria, Francia, Germania, Italia, Slovenia e Svizzera.
Le organizzazioni che si occupano dello sviluppo dello spazio alpino, tra cui il Segretariato permanente della Convenzione delle Alpi, hanno già più volte richiesto l'utilizzo di una terminologia comune in ambito giuridico. Grazie a LexAlp si potrà così sostituire la terminologia già elaborata per la Convenzione delle Alpi, tuttavia ancora insufficiente. Al termine di questo processo non dovrà più verificarsi una confusione terminologica come nel caso del termine "Umweltverträglichkeitsprüfung" (valutazione di impatto ambientale), che nella versione in italiano dei protocolli è stato tradotto in tre modi diversi.
Il progetto LexALP ha una durata di tre anni (2005-2007) e viene finanziato con fondi Interreg IIIB "Spazio alpino". Accanto al partner principale, l'Istituto di comunicazione specialistica e plurilinguismo dell'Accademia Europea di Bolzano, sono coinvolte come partner del progetto diverse università pubbliche e private, così come amministrazioni regionali e nazionali. Il lessico sviluppato sarà diffuso e distribuito ai partecipanti al progetto attraverso corsi e un sistema di informazione on-line.
Fonti e info: www.eurac.edu/Org/LanguageLaw (it); ACADEMIA - Das Wissenschaftsmagazin der Europäischen Akademie Bozen, Nr. 37, März 2005.
archiviato sotto: ,
Seguici su

Icon_facebook  Icon_twitter