Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Good Practice

Casa passiva rifugio alpino Schiestlhaus

Il primo rifugio realizzato con le caratteristiche della casa passiva è situato sullo Hochschwab, a un'altitudine di 2154 m s.l.m., e si basa su una concezione ecologica totale: costruzione in legno secondo gli standard della casa passiva, autosufficienza energetica grazie all'uso di energia solare, depurazione biologica delle acque reflue e utilizzo dell'acqua piovana. Il progetto nasce dall'idea di impiegare sistemi solari in luoghi caratterizzati da una difficile accessibilità, da un buon irraggiamento solare e da un'elevata sensibilità ecologica. Esso è inoltre pensato come progetto pilota e dimostrativo, nel quale vengono testati una tecnologia sostenibile ed ecologica e una progettazione intelligente dello spazio in condizioni estreme. Ciò che rende particolari i rifugi alpini, rispetto agli usi edilizi convenzionali, è che la quantità di utenti oscilla fortemente a seconda del periodo dell'anno, del giorno della settimana, della stagione turistica e delle condizioni meteorologiche. Per questo motivo è stato sviluppato un concetto edilizio flessibile: al centro un nucleo riscaldabile costantemente, intorno a questo un'ulteriore zona che può essere riscaldata a seconda delle necessità e una zona più esterna non riscaldata adibita a locali di servizio. Dal momento che non sono presenti, a una distanza ragionevole, sorgenti con portata d'acqua sufficiente, dal tetto viene raccolta acqua piovana, che viene poi immagazzinata e predisposta all'uso. L'acqua calda e la corrente elettrica sono prodotte tramite collettori e pannelli solari perfettamente integrati nel piano architettonico del rifugio. Il riscaldamento degli spazi avviene mediante la tecnologia della casa passiva, vale a dire, gli ambienti dove si soggiorna sono riscaldati esclusivamente tramite le fonti di calori interne e l'immissione di aria temperata attraverso l'impianto di ventilazione. Ad eccezione di quelle presenti nei locali adibiti al lavaggio e all'asciugatura, nell'edificio non sono previste altre superfici radianti. Il restante fabbisogno di calore per il riscaldamento, pari a 13 kWh/m²a, è garantito mediante il recupero di calore dal serbatoio di acqua calda.

Indice energetico

13 kWh/m²*a

Metodo di costruzione

Costruzione a telaio in legno

Superficie utile

492 m²

Regione del progetto

Hochschwab (Stiria, Austria)

Interlocutore

Österreichischer Touristenklub
Österreichische Touristenzeitung für Bergsport und Alpinismus
Bäckerstr. 16
1010 Wien / AT
Numero telefonico: +43 1 512 38 44
Fax: +43 1 512 16 57 74
E-mail: zentrale@touristenklub.at
Internet: http://www.touristenklub.at

Responsabile del progetto

Pos Architekten Team
Fritz Oettl
Maria Treu Gasse 3/15
1080 Wien / AT
Numero telefonico: +43 1 409 52 65 10
Fax: +43 1 409 52 65 99
E-mail: oettl@pos-architecture.com
Internet: http://www.pos-architecture.com/

archiviato sotto: ,