Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Posizioni

20/11/2017

Assemblea generale di EUSALP in novembre 2017: lettera aperta ai Ministri degli Stati alpini

Assemblea generale di EUSALP in novembre 2017: lettera aperta ai Ministri degli Stati alpini

Fin dal 2013, motivata dallo spirito di una "nuova solidarietà tra le Alpi e la regioni limitrofe e dal documento di posizionamento per una strategia europea nella macroregione alpina" la CIPRA ha lavorato a stretto contatto con EUSALP, accompagnando questo processo con grande impegno. Ci rivolgiamo a Lei con questa lettera prima dell’assemblea generale che si terrà a Monaco.

Ulteriori informazioni…

08/02/2017

Transizione nel turismo invernale

Transizione nel turismo invernale

Il turismo ha portato ricchezza nelle Alpi. In molte regioni continua ad essere un’importante fonte di reddito, ma anche un fattore di rischio per la dipendenza da un solo settore. L’importanza e l’orientamento del turismo sono tuttavia molto differenziati negli Stati alpini. Un elemento però li accomuna trasversalmente: il cambiamento del comportamento dei visitatori e il cambiamento climatico impongono nuove strategie e nuovi approcci. Si rende perciò necessaria una trasformazione socioeconomica che tenga conto del passato, del presente e delle potenzialità future del turismo.

Ulteriori informazioni…

30/01/2017

Voli in elicottero in zone montane CIPRA Italia chiede il divieto generalizzato per i voli a fini ludici

CIPRA Italia da anni denuncia come l’Italia sia l’unico paese alpino sprovvisto di normativa in materia di voli a motore in zone di montagna.

Ulteriori informazioni…

14/04/2016

Il suolo è limitato: lettera aperta alla Conferenza sulla pianificazione territoriale degli Stati alpini

Il suolo è limitato: lettera aperta alla Conferenza sulla pianificazione territoriale degli Stati alpini

Noi, Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi CIPRA, ci rivolgiamo alle Ministre a ai Ministri responsabili di pianificazione territoriale e ambiente degli Stati alpini Germania, Austria, Italia, Francia, Slovenia, Liechtenstein, Monaco e Svizzera, con una lettera aperta per appoggiare i loro sforzi per una politica di pianificazione territoriale sostenibile nelle Alpi e per esporre la nostra specifica richiesta alla vigilia della Conferenza sulla pianificazione territoriale degli Stati alpini che si terrà dal 18 al 19 aprile 2016 a Murnau in Germania. Invitiamo i Ministri inoltre a intensificare la loro attività volta a garantire la salvaguardia delle basi naturali della vita nelle Alpi.

Ulteriori informazioni…

05/11/2015

Verso una nuova cultura della mobilità sostenibile

Verso una nuova cultura della mobilità sostenibile

Posizione della CIPRA sulla mobilità delle persone e delle merci nelle Alpi

Ulteriori informazioni…

15/09/2015

Appello: Protezione del clima ora!

Appello: Protezione del clima ora!

Un appello dei Comuni alpini alla cittadinanza e ai partecipanti della COP 21

Ulteriori informazioni…

22/08/2014

Lettera aperta per la Conservazione dell'orso bruno alpino nella regione alpina

Lettera aperta per la Conservazione dell'orso bruno alpino nella regione alpina

Lettera aperta ai Ministri dell'Ambiente degli Stati alpini e al Presidente della Provincia Autonoma di Trento

Ulteriori informazioni…

14/05/2014

I fiumi alpini non sono rinnovabili

I fiumi alpini non sono rinnovabili

Verso una strategia energetica totalmente sostenibile nelle Alpi

Ulteriori informazioni…

21/02/2014

Alpi libere da Olimpiadi: Presa di posizione della CIPRA

La CIPRA Internazionale chiede che le Alpi non siano più sede di Giochi olimpici invernali. Le Alpi devono restare libere da Olimpiadi, come è stato negli ultimi anni. I Giochi olimpici invernali, nella forma attuale, non sono compatibili né ambientalmente né tanto meno socialmente. La CIPRA respinge perciò i Giochi olimpici invernali nelle Alpi - ma anche altrove - nella forma in cui oggi si svolgono. Le esperienze dell'ultimo decennio dimostrano che le montagne non sono adatte a ospitare questi mega eventi, dannosi per l'ambiente e dalle conseguenze rovinose per la società. Le consultazioni popolari svolte nei Grigioni e Monaco di Baviera mettono in evidenza che ampi strati della popolazione alpina non sono più disponibili ad accettare passivamente le conseguenze negative delle Olimpiadi invernali.

Ulteriori informazioni…