Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Toolbox per il clima

Il cambiamento climatico e le sue conseguenze sono un fenomeno astratto e difficile da comunicare. In molte regioni alpine mancano quindi conoscenze, metodi e strumenti efficaci per affrontare in modo incisivo e intersettoriale i cambiamenti climatici. Un sostegno è ora offerto dal Toolbox per il clima, una serie di strumenti per l’adattamento al cambiamento climatico.

Attraverso un processo moderato in collaborazione con i decisori regionali, come sindaci, selvicoltori e operatori turistici, il Toolbox si propone di definire un piano di misure per attenuare nel modo più efficace possibile gli effetti del cambiamento climatico a livello locale oppure per coglierne le opportunità che possono presentarsi. All’inizio del processo viene illustrato come funziona la regione, quali risorse sono disponibili e quali servizi vengono forniti. Le proposte di soluzione possono così integrarsi nel tessuto economico, ecologico e sociale della regione. Un aspetto determinante per il successo è che lo sviluppo delle strategie e delle misure di adattamento proceda in modo intersettoriale e coordinato.

Come funziona il Toolbox? 

Fase 1: Introduzione

Nella prima parte del seminario l’attenzione si concentra sulla conoscenza reciproca e sulle attese rivolte al seminario

Fase 2: Descrizione del modello economico del territorio

Presentazione di una versione provvisoria del modello economico della regione elaborata in precedenza con esperti locali (risorse principali, struttura economica ecc.). In seguito il modello viene discusso in piccoli gruppi ed eventualmente adattato. Si sviluppa così una visione comune e una maggior conoscenza del funzionamento e della struttura economica della regione.

Fase 3: Identificazione dei principali rischi e delle opportunità offerte dal cambiamento climatico

Questa fase si articola in tre sottosezioni e si basa su lavori scientifici preliminari sul cambiamento climatico in Svizzera e le sue conseguenze a livello regionale:

  1. informazioni sugli effetti del cambiamento climatico nella regione sulla base di dati meteorologici e interviste di esperti;
  2. esposizione di poster e identificazione dei principali rischi e opportunità da parte dei partecipanti mediante l’assegnazione di “punti adesivi”. (i rischi e le opportunità sono stati definiti preliminarmente e raggruppati in cosiddette “schede d’azione”);
  3. discussione in piccoli gruppi sulle conseguenze delle opportunità e dei rischi individuati e sui possibili effetti sul modello economico.

Fase 4: Valutazione e definizione di priorità nell’ambito delle possibili misure di adattamento

Sulla base delle opportunità e dei rischi principali, i partecipanti scelgono tra una serie di oltre 40 misure, elaborate in forma breve e concisa durante i lavori preliminari, quelle più indicate a favorire l’adattamento al cambiamento climatico.

Fase 5: Definizione di linee di sviluppo strategiche

Per essere efficaci le misure definite nella fase precedente devono essere integrate in una strategia di sviluppo globale. Questa integrazione conferisce alle misure di adattamento il peso necessario per essere prese in considerazione dall’insieme degli attori.

Fase 6: Implementazione e monitoraggio

L’ultima fase del Toolbox per il clima è costituita dall’implementazione regionale con la regolare acquisizione di feedback, in modo da mettere in pratica realmente ed efficacemente i diversi processi.

Il Toolbox per il clima era un progetto realizzato nell’ambito del programma pilota “Adattamento ai cambiamenti climatici” sostenuto dall’Ufficio federale dell’ambiente UFAM. Il kit di strumenti è stato sviluppato da un gruppo di lavoro composto dalla società svizzera di consulenza e per lo sviluppo di progetti seecon gmbh, dalla Commissione internazionale per la Protezione delle Alpi CIPRA, dalla ONG svizzera mountain wilderness e dalla Regione Surselva.

Durata: gennaio 2014 - giugno 2016


Contatto:
Wolfgang Pfefferkorn
CIPRA Internazionale

 

Progetto attuato nel quadro del programma pilota Adattamento ai cambiamenti climatici, sostenuto dall’Ufficio federale dell'ambiente.

PDF: