Strumenti personali

  Filtro di ricerca  

Successi

Aprile 2015: In salvo i Kalkkögel

Il Parlamento del Tirolo ha deciso di non autorizzare il progetto di sfruttamento dell’area di quiete “Kalkkögel”. Le due zone sciistiche tirolesi di Schlick e Axamer Lizum avrebbero dovuto essere collegate da un impianto di risalita attraverso la zona di quiete dei Kalkkögel. Dal 2010 la CIPRA Austria si era impegnata a fondo per la protezione dell’area a aveva accertato che il progetto è incostituzionale ed è anche in contrasto con la Convenzione delle Alpi. Ulteriori informazioni

2015: Guadagno per la tutela del paesaggio del Brennero

© Claude Le Pennec
Il contestato parco eolico del Sattelberg, sul Brennero, è stato respinto in seconda e ultima istanza dal Consiglio di Stato a Roma. Si tratta di un grande successo per le associazioni ambientaliste - tra cui la CIPRA Alto Adige - dei due versanti del Brennero che avevano impugnato il progetto. Ulteriori informazioni

2014: Un progetto sloveno per la protezione del clima fa scuola

Nel 2010, quattro Comuni sloveni si sono candidati per il programma di protezione del clima per Comuni dynAlp-climate, concepito dalla CIPRA. Il loro progetto di pedagogia forestale ha avuto successo e ha fatto scuola in tutta la Slovenia. Oggi una rete di scuole e asili diffonde concretamente la protezione del clima e della natura nei boschi della Slovenia. Ulteriori informazioni

17 settembre 2014: La Valle del Reno alpino vince il Premio per la mobilità

(c)VCÖ-www.weissphotography.at

Con il progetto Alpstar, il Land Vorarlberg, il Liechtenstein e il Cantone San Gallo hanno mostrato negli ultimi tre anni come convincere i pendolari all'uso della ferrovia, dell'autobus o della bicicletta. Questi sforzi sono stati ricompensati dall'assegnazione del Premio mobilità a cura dell’Associazione trasporti e ambiente Austria (VCÖ, Verkehrsclub Österreich). Le attività sono state coordinate dalla CIPRA Internazionale e dall'Istituto per l'Energia del Vorarlberg. Ulteriori informazioni

La CIPRA si lancia in un'escursione di lunga percorrenza

La CIPRA prende in carico nel 2014 il segretariato dell'itinerario escursionistico "Via Alpina". Insieme, le due reti si impegnano per un maggiore sviluppo sostenibile nelle Alpi. Gli escursionisti appassionati non saranno gli unici ad approfittarne. Ulteriori informazioni

10 ottobre 2013: CIPRA goes youth

Il 10 ottobre 2013 undici giovani donne di tutti i Paesi alpini presentano ai delegati a Bolzano/I le loro idee: sono i membri fondatori della Consulta dei Giovani della CIPRA. Continuamente si aggiungono nuovi interessati. Insieme sviluppano idee e proposte di soluzioni per le sfide nella Alpi, fungono da consulenti per gli organi della CIPRA e si esercitano nel lavoro di rete e di comunicazione. Ulteriori informazioni

2013: pluriennale collaborazione con le città alpine

(c) BadAussee

Da dieci anni la CIPRA gestisce le attività dell’Associazione «Città alpina dell’anno». Il feedback dei responsabili delle città è entusiasta: «Grazie alla collaborazione della nostra associazione con la CIPRA, da associazione “amatoriale” siamo riusciti a divenire una rete di città», dichiara Colette Patron, ex presidentessa e vicesindaco di Gap/F. Ulteriori informazioni

5 marzo 2012: il Parlamento dei Giovani decolla con la CIPRA

Dal 2012 la CIPRA e il Parlamento dei giovani della Convenzione delle Alpi, abbreviato YPAC, camminano insieme. La CIPRA supporta i docenti responsabili nell’organizzazione dell’evento e i giovani nel lavoro di comunicazione e li mette in rete con rappresentanti della politica alpina. Un compito importante è quello di indicare ai giovani la strada per portare le loro richieste oltre al Parlamento dei Giovani, direttamente ai politici, e contribuire allo sviluppo sostenibile nelle Alpi.

I primi successi sono già visibili: le delegazioni continuano ad essere invitate dagli organi politici a presentare le proprie richieste. Un gruppo di ex membri del Parlamento dei giovani ha fondato in Austria l’organizzazione PEGNA. Ulteriori informazioni

AlpWeek: un gioco di squadra ben riuscito

Con circa 400 partecipanti, la seconda edizione della Settimana alpina a Poschiavo, in Svizzera, ha avuto pieno successo. La CIPRA ha organizzato la conferenza internazionale insieme a sei altre organizzazioni – e oltre a ciò ha portato a Poschiavo circa 120 giovani da tutti i Paesi alpini. Essi hanno contribuito al tema della conferenza “Le Alpi rinnovabili” con le loro opinioni espresse attraverso musica, video, sequenze teatrali, prese di posizione pubbliche e in colloqui personali. Ulteriori Informazioni

2012: La CIPRA è l'organizzazione più sostenibile del 2012

Un premio dall'Olanda per la CIPRA: il più grande Club alpino al di fuori delle Alpi ha scelto la Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi quale organizzazione più sostenibile dell'anno. I soci della Reale società olandese per l'alpinismo e gli sport di montagna (NKVB), in un sondaggio online, hanno eletto la CIPRA organizzazione più sostenibile dell'anno. Un riconoscimento che premia il pluriennale impegno per modellare la vita nelle Alpi in modo che l'uomo e la natura possano convivere felicemente e in armonia. Le Alpi ospitano ogni anno più di un milione di turisti dai Paesi Bassi. La NKVB conta 55.000 soci.

Estate 2011: sette regioni collaborano alla costruzione di una rete ecologica alpina

Alla conclusione del progetto Econnect, con la partecipazione della CIPRA, nelle Alpi si è definitivamente affermato il concetto che la biodiversità non può essere conservata esclusivamente all’interno delle aree protette. Occorre garantire anche la possibilità di scambio tra le aree protette. Con il sostegno di un ampio consorzio e un approccio procedurale elaborato in comune, sette “regioni pilota” si impegnano ad attuare misure per collegare gli spazi vitali al di là dei confini delle aree protette. Gli sforzi della CIPRA per lanciare il progetto Econnect e l’iniziativa Kontinuum ecologico producono quindi i primi frutti e aprono uno spazio per ulteriori attività sul tema.

2011: climalp – guarda, impara, costruisci!

Come funziona una casa passiva? Come si vive e si lavora all’interno di essa? Da dove vengono i materiali? Rappresentanti di comuni, architetti e appassionati di architettura hanno ottenuto le risposte a queste domande nelle escursioni climalp organizzate dalla CIPRA. Molti partecipanti da tutti i Paesi alpini hanno appreso i vantaggi dell’architettura ad alta efficienza energetica nel corso di convegni ed escursioni. Costruire con legno regionale fa bene all’ambiente, riduce i costi e promuove la creazione di valore regionale. Nel comune francese di Saint Martin de Belleville hanno seguito l’esempio realizzato altrove. Motivati da un’escursione climalp, hanno costruito la scuola d’infanzia in base allo standard Minergie. Ulteriori informazioni

2010: Premio "KONSTRUKTIV"

Il governo del Principato del Liechtenstein aveva aperto il primo bando di concorso per l'assegnazione nella primavera 2010 del premio "KONSTRUKTIV" di € 50.000. I tre premiati sono stati selezionati dalla giuria internazionale presieduta da Köbi Gantenbein (CH) e composta da Helmut Dietrich (AT), Dominique Gauzin-Müller (FR) e Giancarlo Allen (IT). Complessivamente sono stati presentati 200 progetti. Tra i 25 progetti scelti dalla Giuria, e approdati alla seconda fase, sono stati selezionati i progetti vincitori, oltre a quelli che hanno ottenuto riconoscimenti o una menzione. Questa ampia selezione di edifici sostenibili dallo spazio alpino viene ora presentata al pubblico in una mostra itinerante. La rivista "Hochparterre", che può contare nelle Alpi su un pubblico di oltre 60.000 lettori, pubblicherà i vincitori e le nomination in un'edizione speciale in più lingue.  Ulteriori informazioni

2009: Cambiamento climatici: Pensare al di là del proprio naso! Il progetto cc.alps

Circa 200 persone da tutti i Paesi alpini hanno partecipato alla conferenza internazionale ”Sangue freddo sotto l’effetto serra” tenutasi a Bolzano il 2-3 aprile. Il messaggio era chiaro: gli interventi climatici devono essere sostenibili! In tutti gli ambiti! In un periodo come questo con accese discussioni, è necessario mantenere la mente fredda ed elaborare con oculatezza nuove strategie. Il progetto cc.alps della CIPRA contribuisce con la serie di pubblicazioni, denominati compact, a una riflessione consapevole su questi temi. I risultati più importanti della ricerca e della valutazione di interventi climatici applicati su tutto l’arco alpino vengono pubblicati e resi disponibili a tutti su 11 quaderni in formato digitale. Ulteriori informazioni

11.07.2008: Conclusione di Futuro nelle Alpi

“Futuro nelle Alpi” ha messo in rete e ha fatto conoscere iniziative nuove ed esistenti che conciliano la protezione della natura, i bisogni della popolazione e gli obiettivi economici.
“Per un riconoscimento completo del programma ‘Futuro nelle Alpi’ si può ben sostenere che è stata creata una rete notevole e un grande profitto per il futuro. Mi augurerei che un tale esercizio di gestione dei saperi vincesse qualcosa come un premio Nobel.” – Mario Broggi, Membro del Consiglio direttivo della MAVA nel suo discorso per la conclusione del progetto.

09.11.2006: La CIPRA promuove le Alpi come regione modello per il clima

Su richiesta della CIPRA, nel 2006 durante la IX Conferenza delle Alpi ad Alpbach/A, le Parti contraenti della Convenzione delle Alpi, vale a dire gli Stati alpini e l’UE, decisero di predisporre un piano d’azione per il clima. La CIPRA ha accompagnato questo processo con occhio critico, ha presentato proposte ed effettuato attività di sensibilizzazione. Tuttavia, il piano d’azione per il clima adottato alla X Conferenza della Alpi a Evian/F, nel 2009, non corrispondeva affatto alle aspettative; mancavano, infatti, misure concrete, un cronoprogramma e indicazioni sul finanziamento.

Nel frattempo la palla è stata raccolta da qualcun altro. Nel progetto Alpstar, 13 partner hanno sperimentato dal 2011 al 2014 le possibilità di ridurre efficacemente le emissioni di CO2 nello spazio alpino. Per conto del Canton San Gallo e dello Stato del Liechtenstein, la CIPRA ha coordinato le attività nella regione pilota Valle del Reno alpino, insieme all’Istituto per l’energia del Vorarlberg. Infine, dal 2010 il Concorso di architettura Constructive Alps premia e pubblicizza ristrutturazioni e costruzioni modello.

6.12.2005: 570 progetti in gara per 150.000 Euro

Il concorso alpino “Futuro nelle Alpi” ha suscitato una vasta eco. Persone e organizzazioni provenienti dagli otto Stati alpini hanno presentato 570 progetti, tra i quali sarebbero stati scelti i progetti migliori per uno sviluppo sostenibile nell’arco alpino. Nel quadro di Futuro nelle Alpi, la CIPRA raccoglie e premia idee innovative, già poste in atto. Tre premi sono andati a progetti austriaci (Salisburgo, Tirolo, Voralberg), due in Italia (Friuli, Alto Adige) e uno in Germania, Slovenia e Svizzera.

03.07.2003: Fondata l'Alleanza centro asiatica dei villaggi di montagna

Il 22 giugno nella capitale del Tagikistan Dusanbe è stata fondata l'"Alleanza centro asiatica dei villaggi di montagna" sul modello della rete di comuni "Alleanza nelle Alpi". Dopo il convegno di settembre dell'anno scorso nella capitale del Kirghizistan Biskek, la manifestazione è stata la seconda conferenza dei villaggi di montagna nell'Asia Centrale. La costituzione dell'Alleanza è stata raggiunta in collaborazione con la CIPRA. Ulteriori informazioni

30.01.2003: Alp Web Award del Club Alpino Italiano

Grazie al servizio di informazione alpMedia, la CIPRA ha ricevuto il premio “Alp Web Award 2002”.Il premio è all’insegna del motto “Le montagne viste da Internet” e viene assegnato dalla sezione del Club alpino italiano “Giusto Gervasutti” di Cervignano del Friuli.
I siti premiati sono stati proposti dagli utenti. Dopo una preselezione, una giuria di specialisti dei settori comunicazione, marketing, design, arte e tecnica ha scelto i vincitori.

01.01.2003: Istituito il Segretariato Permanente della Convenzione delle Alpi

Da lungo tempo, la CIPRA richiedeva l’istituzione di un Segretariato Permanente della Convenzione delle Alpi. Finalmente, i partecipanti alla VII Conferenza delle Alpi 2002 di Merano (I) hanno approvato una delibera, nella quale i Ministri dell’Ambiente degli Stati alpini e la Commissaria dell’UE richiedevano l’immediata istituzione di un Segretariato Permanente per la Convenzione delle Alpi. Quindi, il 1.1.2003, è stato costituito il Segretariato Permanente con sede a Innsbruck e una sede distaccata a Bolzano. Ulteriori informazioni

30.01.2002: Informazioni senza frontiere sulle Alpi

alpMedia, il nuovo servizio informazioni della CIPRA, riparte con una Newsletter bisettimanale e un nuovo sito, con informazioni sullo sviluppo sostenibile da tutto l’arco alpino e da altre zone montane. Tutte le informazioni pubblicate sulla Newsletter alpMedia vengono messe a disposizione nel sito e possono essere rintracciate in qualunque momento grazie ad un raffinato sistema di ricerca. alpMedia è sinonimo di informazioni mirate sulle Alpi provenienti da fonti affidabili - aggiornate, veloci, internazionali e interdisciplinari. Ulteriori informazioni 

2001: Pubblicato il 2° Rapporto sullo stato delle Alpi

Il 2° Rapporto sullo stato delle Alpi prosegue una tradizione. Anche il 2° volume, come la prima edizione, raccoglie il sapere specialistico internazionale, è una specie di barometro dei recenti sviluppi, si presenta come piattaforma per iniziative e modelli aperti al futuro. Esperti provenienti da tutti i paesi alpini, dalla Francia alla Slovenia, hanno collaborato a questo inventario estremamente ampio.
Questo libro rappresenta perciò un'indispensabile fonte per tutti coloro che nelle Alpi abitano e lavorano, fanno progetti e politica. Ma anche per i turisti che nei loro viaggi non si limitano ad attraversare un paese, ma lo vogliono anche scoprire.

23.11.2001: La CIPRA vince il Grande Premio Binding

La fondazione del Premio Binding per la protezione della natura e dell'ambiente assegna ogni anno il Premio Binding, secondo i desideri dei fondatori Sophie e Dr. Karl Binding. Nel 2001, il premio va alla CIPRA per gli impulsi e le prestazioni esemplari a favore della protezione della natura e dell’ambiente. “Quale riconoscimento dell’impegno profuso in tutte le Alpi da questa organizzazione non governativa per la protezione e lo sviluppo dell’arco alpino negli ultimi 50 anni. Alla CIPRA si devono impulsi essenziali a favore dello sviluppo sostenibile nelle Alpi."

1998: Gold Star della “European Federation of the Associations of Tourism Journalists” alla CIPRA

Nel 1998 la CIPRA è stata insignita dell’“Etoile d’or” dalla “Fédération des Associations des Journalistes de Tourisme” (FEDAJT). Il premio viene assegnato annualmente per l’impegno a favore dello sviluppo sostenibile in campo turistico. La FEDAJT, fondata nel 1993, è un'associazione internazionale con sede in Belgio, comprendente 800 giornalisti specializzati nel turismo di otto paesi.

1998: Alla CIPRA il premio TUI per l’ambiente

Con il conferimento del premio alla CIPRA la TUI dimostra il suo apprezzamento per le attività transfrontaliere che la CIPRA svolge da anni nei paesi alpini a favore di una durevole protezione e di uno sviluppo sostenibile del territorio alpino. La segnalazione interna definisce particolarmente determinante per la decisione il lavoro impegnato, indipendente e integrativo della CIPRA nel percorso verso la Convenzione delle Alpi e la sua attuazione sino al successo dell'iniziativa della Rete di Comuni "Alleanza nelle Alpi".

1998: Pubblicato il 1° Rapporto sullo stato delle Alpi

Ci sono molti libri sulle Alpi ricchi di illustrazioni, con maestosi panorami di montagna e immagini di meravigliosi paesaggi culturali. Il Rapporto sullo stato delle Alpi rappresenta invece un’indagine più accurata. Qual è la situazione in questo multiforme territorio naturale e culturale? A queste e a molte altre domande dà una risposta il Rapporto sullo stato delle Alpi con dati concreti e interpretazioni. Esso dà inoltre la parola a numerose personalità e, con un linguaggio chiaro e comprensibile, illustra problemi e possibili soluzioni in più di 70 brevi relazioni, offrendo così una panoramica di tutta la disciplina in forma concentrata e brillante.

1997: Rete di Comuni “Alleanza nelle Alpi” associazione autonoma

L’applicazione esemplare della Convenzione delle Alpi a livello comunale: questo era l’obiettivo con cui nel 1997 è stata creata la Rete di Comuni “Alleanza nelle Alpi”. La CIPRA, che ha avviato l’Alleanza nelle Alpi e ne ha seguito la fase pilota durata due anni, ha dato impulsi decisivi alla Rete di Comuni sino alla fine del 1997. In occasione del convegno annuale della CIPRA a Bovec (Sl) la Rete di Comuni è stata trasformata in un’associazione autonoma. Ulteriori informazioni

1995: Premio per l’ambiente in oro della Comunità di lavoro delle regioni alpine

La Comunità di lavoro delle regioni alpine, in occasione della sua 26a Conferenza, conferisce alla CIPRA il premio per l’ambiente in oro quale “riconoscimento per l’avvio e l’assistenza nella costituzione della Convenzione delle Alpi”.  Dal discorso: “La CIPRA, con il suo progetto di collaborazione internazionale, ha sostenuto la ricerca applicata e lo sviluppo sostenibile nel territorio alpino, dando il proprio contributo ad una migliore comprensione del sistema Alpi e dei danni da esso subiti a causa dell’uomo. Ciò ha creato presupposti fondamentali, dai quali trarre misure efficaci per un utilizzo e uno sviluppo sostenibile del territorio alpino….”

Convenzione delle Alpi

1991: Sottoscrizione della Convenzione delle Alpi

Una tappa fondamentale nella storia della CIPRA è stata lo sviluppo della Convenzione delle Alpi: “Il più importante compito della CIPRA deve essere quello di elaborare una Convenzione internazionale per le Alpi e di impegnarsi per la sua approvazione da parte dei paesi coinvolti”. Tale affermazione è tratta dal documento preparatorio per la costituzione della CIPRA del 1951. Ci sono voluti 40 anni di lavoro per informare, convincere e motivare,
prima che il 7 novembre 1991 a Salisburgo i ministri dell’ambiente degli stati alpini e il commissario per l’ambiente dell’UE sottoscrivessero il “Trattato per la protezione delle Alpi (Convenzione delle Alpi)”.